L'al­le­va­to­re è ('art. 4 del Re­go­la­men­to del­le Cor­se) co­lui che ri­sul­ta pro­prie­ta­rio o af­fit­tua­rio del­la fat­tri­ce al mo­men­to del­la na­sci­ta del pro­dot­to. Per sta­bi­li­re da che da­ta si è pro­prie­ta­ri del­la fat­tri­ce, va­le quel­la ri­por­ta­ta sull'ap­po­si­to mo­du­lo (art. 3) da in­via­re com­pi­la­to al M.I.P.A.A.F. 


E' al­le­va­to­re i­ta­lia­no il cit­ta­di­no i­ta­lia­no o, se trat­ta­si di so­cietà o as­so­cia­zio­ne, quel­la che ab­bia il do­mi­ci­lio fi­sca­le in I­ta­lia. E' con­si­de­ra­to i­ta­lia­no l'al­le­va­to­re - an­che non cit­ta­di­no i­ta­lia­no - che sia re­si­den­te in I­ta­lia da al­me­no un an­no o vi ab­bia do­mi­ci­lio fi­sca­le.

E' pos­si­bi­le al­le­va­re ca­val­li pu­ro­san­gue sia te­nen­do i ca­val­li in af­fit­to pres­so ter­zi, sia su ter­re­ni in pro­prietà; in que­sto ca­so oc­cor­re di­spor­re di pra­ti sta­bi­li con un rap­por­to su­per­fi­cie/ca­val­lo che ot­ti­ma­men­te si sti­ma in al­me­no 1 et­ta­ro per ca­val­lo. e di bo­xes del­le di­men­sio­ni di al­me­no m. 3,5 X 3,5

Pren­den­do per ri­fe­ri­men­to la fa­scia me­dia del­le fat­tri­ci, ma­dri di pro­dot­ti che nor­mal­men­te pas­sa­no nel­le a­ste i­ta­lia­ne, le stes­se han­no un prez­zo me­dio di 10.000/20.000 eu­ro più il va­lo­re del­la mon­ta.

Il prez­zo me­dio di una mon­ta di di­scre­ta riu­sci­ta com­mer­cia­le è di cir­ca Eu­ro 3.000/6.000 a fat­tri­ce gra­vi­da in I­ta­lia, 6.000/12.000 eu­ro all'e­ste­ro.

Que­sti so­no i va­lo­ri mi­ni­mi dai qua­li si può sa­li­re an­che di 10, 20 vol­te per o­pe­ra­re ai ver­ti­ci in­ter­na­zio­na­li.

Il co­sto me­dio gior­na­lie­ro per il man­te­ni­men­to di una fat­tri­ce è di Eu­ro 16/22 nel pro­prio al­le­va­men­to, Eu­ro 16/33 in­vian­do i ca­val­li in pen­sio­ne.

Me­dia­men­te la fer­ti­lità ef­fet­ti­va (ca­val­li sul ter­re­no) è del 75% per cui a­ven­do 4 fat­tri­ci si può con­ta­re su 3 pro­dot­ti.

Nor­mal­men­te i ca­val­li so­no ven­du­ti a 18 me­si in ap­po­si­te a­ste pub­bli­che a lo­ro ri­ser­va­te ed or­ga­niz­za­te dal­la no­stra As­so­cia­zio­ne, at­tra­ver­so la S.G.A., So­cietà Ge­stio­ne A­ste Srl.

Nel 2008 all'a­sta Se­le­zio­na­ta so­no sta­ti ven­du­ti 161 pu­le­dri ad un prez­zo me­dio di Eu­ro 38.000 nel­la pri­ma ses­sio­ne (la più pre­sti­gio­sa) ed eu­ro 10.000 nel­la se­con­da, con un prez­zo mi­ni­mo di eu­ro 5.000 ed un mas­si­mo di Eu­ro 280.000.

All'al­le­va­to­re i­ta­lia­no è ri­ser­va­to il 20% del mon­te pre­mi de­sti­na­to ai pro­prie­ta­ri di o­gni som­ma vin­ta in cor­sa dal ca­val­lo al­le­va­to (65%, 25%, 10%) pur­chè ar­ri­vi tra i pri­mi 3 al tra­guar­do di o­gni cor­sa e ciò per tut­ta la du­ra­ta del­la car­rie­ra di cor­se del ca­val­lo ed i­nol­tre una prov­vi­den­za ag­giun­ta com­mi­su­ra­ta al 20% del pre­mio ag­giun­to al pro­prie­ta­rio fi­no al 4º an­no di età del ca­val­lo

Sia i pre­mi all'al­le­va­to­re che le prov­vi­den­ze ag­giun­te ven­go­no tra­smes­si di­ret­ta­men­te dal M.I.P.A.A.F. (Mi­ni­ste­ro del­le Po­li­ti­che a­gri­co­le a­li­men­ta­ri e fo­re­sta­li - Ro­ma - Via XX Set­tem­bre 20) o­gni 60 gior­ni e fan­no par­te del red­di­to a­gra­rio ove l'al­le­va­to­re di­spon­ga di ter­re­ni su cui al­le­va­re. Di­ver­sa­men­te so­no una com­po­nen­te po­si­ti­va del red­di­to d'im­pre­sa.

Ol­tre a ciò è in vi­go­re un ar­ti­co­la­to pia­no di prov­vi­den­ze all'al­le­va­men­to che di­spo­ne di ol­tre 10 mi­lio­ni di eu­ro che pre­ve­de una se­rie di fa­ci­li­ta­zio­ni ed aiu­ti a­gli al­le­va­to­ri.